Andrea Prandi -Sistema-

Chiedi Informazioni

Titolo:  Sistema

Tecnica: inkjet e carborundum su carta da incisione hahnemuhle

Anno:  2012

Altezza: 80 cm

Larghezza: 110 cm

Garanzia: certificato di autenticità firmato dall’artista

Dettagli: firma dell’artista in basso a destra; opera con cornice

Biografia

Andrea Prandi (1979 – Zevio – Italy)

Andrea Prandi, dopo essersi diplomato al liceo scientifico, inizia la sua formazione artistica presso l’Accademia di Belle Arti di Verona concentrando i suoi studi sulla pittura, la decorazione e l’anatomia. Prosegue la sua ricerca e passione artistica frequentando per molti anni lo studio del prof. Giorgio Scarato, accademico della Cignaroli di Verona, famoso illustratore e artista di fama internazionale. Gli anni accanto al maestro lo portano a padroneggiare la pittura su tela e lo educano ai segreti dell’illustrazione e del fumetto. La successiva amicizia con lo scultore Carlo Sirolla gli permette di apprendere la lavorazione della materia in tutte le sue virtù. Infine l’interesse per la sceneggiatura e la passione per il cinema lo spingono a frequentare numerosi corsi di specializzazione tra cui la Masterclass di Blueshuttle, apprendendo tecniche e segreti dai top talent del cinema d’animazione. Tutti tasselli fondamentali che, assieme all’innato talento, gli consentono di dar vita alle opere della propria passione. L’arte di Andrea Prandi spazia dalla pittura su tela all’illustrazione, dalla fotografia all’arte digitale, dalla sceneggiatura alla regia. Nei primi anni della sua produzione si dedica al tema del ricordo, sia esso cinematografico o reminiscenza degli anime giapponesi, con l’intento di cogliere l’attimo nella sua essenza emozionale realizzando opere in cui tele, cornici e innesti tridimensionali si fondono in composizioni artistiche estremamente originali. Le sue successive creazioni, figlie dell’incontro tra arte e scienza, si concentrano con profonda e introspettiva analisi sui segreti del cosmo, dando origine alla collezione “I Misteri dell’Universo” in cui l’autore instaura un dialogo scientifico enigmatico col fruitore delle proprie opere. Ogni lavoro, realizzato con materiale e tecnica diversa, parla tuttavia lo stesso linguaggio profondo, tracciando un percorso cronologico che parte dall’ origine del cosmo ed arriva al concetto metafisico di al di là. Artista poliedrico ed eclettico, comunica attraverso molteplici linguaggi e forme dando vita anche ad elementi d’arredo in cui vengono dosate eleganza e stile avveniristico. Dal 2011 ha partecipato a diverse mostre in Italia tra cui: Dogana Veneta – Lazise 2011, Lucca Comics and Games – Lucca 2012, Galleria d’arte Pavanello – Verona 2012, Bottega d’arte Chiesa di Pressana – Verona 2013, Expo Games – Bolzano 2014. Nello stesso anno realizza mostre anche all’Estero tra cui Londra e Miami dove l’opera “Al di là” viene particolarmente apprezzata per la sua versatilità in grado di coinvolgere direttamente lo spettatore nell’iterazione con la stessa. A Barcellona dà invece particolare risalto all’opera “Le Quattro Stagioni dell’Anima” in cui narra il percorso evolutivo dell’anima che muta nel tempo alla ricerca di se stessa. Tale opera viene poi esposta anche a Palazzo Bollani in concomitanza con “La 56^ Biennale di Venezia”.

Nel 2015 torna in Italia, invitato dal Comune di Bolzano a realizzare una personale all’interno dal Planetarium Sudtirol Alto Adige con parte della collezione “I Misteri dell’Universo”. A novembre inaugura il proprio Atelier a Verona dove, oltre alle sue opere, espone la sua collezione personale di oggetti di caratura internazionale su cinema e animazione giapponese. Chiude l’anno 2015 vincendo il secondo premio Digital Art “Lorenzo il Magnifico” alla “X edizione della Florence Biennale” dove si presenta con l’opera “Panspermia” accompagnata da un cortometraggio da lui stesso diretto per significare il proprio concetto di processo creativo. L’opera, frutto di 3600 scatti fotografici subacquei, rappresenta una visione onirica della nube di Oort, dove le comete assumono sembianze di corpi umani dormienti che fluttuano intorno al sistema solare, pronti a portare il seme della vita sulla terra. Le ultime partecipazioni del 2016 sono quelle di Roma nelle Sale del Bramante, di Bologna alla Galleria Farini Concept e di Copenhagen all’Art Nordic Exhibition.

Informazioni aggiuntive

Tecnica

inkjet e carborundum su carta da incisione hahnemuhle

Anno

2012

Altezza

80

Larghezza

110

Garanzia

certificato di autenticità firmato dall’artista

Dettagli

firma dell’artista in basso a destra; opera con cornice