Bernardo Ariatta -Gommosilandia-

Chiedi Informazioni

Titolo: Gommosilandia

Tecnica: olio su tela

Anno: 2013

Altezza: 50 cm

Larghezza: 50 cm

Garanzia: certificato di autenticità dell’artista

Dettagli: firma dell’artista in basso a destra e sul retro

Categoria:

Biografia

Bernardo Ariatta (1966 – Novara – Italia)

Bernardo Ariatta, in arte Arbe , nasce a Novara, nel 1966. Fin da bambino dimostra un’innata attitudine e passione per l’arte. Si diploma presso il Liceo Artistico Statale di Novara e presso l’Istituto Della Santa come disegnatore pubblicitario. La sua pittura è fatta di una forte carica passionale ed emotiva, ma anche di studio di grandi maestri del passato come il Caravaggio di cui ha molto studiato e ispirato. Ha collezionato molteplici riconoscimenti e pubblicazioni su mensili d’arte, nonché premiato tra i migliori artisti che rappresentano l’arte italiana. Attualmente insegna pittura nel suo studio privato.

“La pittura di Bernardo Ariatta ha un ampio equilibrio sia nel tratto che nel colore, rendendo protagoniste assolute le eleganti forme femminili investendole di luce, riflessi e trasparenze.Sa imporsi con semplicità e indulgenza, ma nel contempo in modo vigoroso e con la consapevolezza di chi vuol riacquistare la sacralità delle forme. La ricerca pittorica di Bernardo Ariatta è sicuramente onerosa, ma facilitata dalla forte carica emotiva e passionale, come lo stesso artista sostiene. Il turbinio dei suoi colori tra palpitanti rossi che squarciano le anime dell’osservatore e le rasserenanti tinte calde capaci di evocare magiche visioni, fanno della sua pittura momenti di intensa emozionalità. L’atto creativo consiste per l’artista nel trasferire sulla tela quell’essenza segreta e vibrante, di cui impera nel suo animo, che è il frutto di un vissuto sia esso remoto o recente. La lunga esperienza acquisita nella rappresentazione dal vero e gli studi sui grandi maestri del passato, suo pittore preferito “Caravaggio”, ha fatto si che fosse favorita in lui l’acquisizione del patrimonio tecnico indispensabile per concretizzare il suo “pensiero pittorico”. Al di là della padronanza tecnica, occorre sottolineare il senso della sua espressività che si colloca nell’area di un messaggio poetico, messaggio d’amore che attraverso la natura si compie in tono di universalità. Una pittura impregnata di intense emozioni e di tensioni, pittura colma di forza comunicativa che sviluppa sempre dolci e continui fremiti lirici. Una stesura pittorica complessivamente dinamica, sicura, senza pause e ripensamenti, un linguaggio concreto che nella miscelanza cromatica e nel segno trova elementi fondamentali per fruttare proposte di meditazione. Non sfugge all’occhio attento del fruitore, l’originalità e l’autonomia nei confronti di altre esperienze artistiche, che gli consentono di individuare un proprio spessore artistico. I suoi dipinti sembrano racchiusi in una bolla di silenzi, quasi volte in area metafisica, lontano dal vertiginoso flusso della vita quotidiana.” Rosanna Cotugno – Curatrice e Art Promoter

“Il malinteso ha continuato nei secoli, sino fino a noi e continuiamo a definire “Natura morta” una immagine viva per eccellenza. E vivissima è la natura morta del pittore, Bernardo Ariatta, operante nel nord Italia, a cavallo fra Piemonte e Lombardia, operatore di grandi dimensioni, è da dirsi, che ha evitato le scorciatoie emulsionistiche lavorando il colore “a guisa caravaggesca”, oggi diremmo iperreale, dove i particolari infinitesimali emergono a completare l’assunto che oggi ha la “Narura morta” e cioè il complemento visivo, calmo, solenne di un ambiente interno. Ma non siamo solo alla frutta. Con lo stesso metro espressivo e compositivo Bernardo Ariatta ha descritto un festival di fiori.” Donato Conenna – Giornalista e Critico

“La Galleria Artè Primaluce inaugura la mostra di Bernardo Ariatta, in arte Arbe. Esposizione curata da Nadia Celi. L’artista nasce a Novara nel 1966. Si diploma presso il Liceo Artistico Statale di Novara e presso l’Istituto Della Santa come disegnatore pubblicitario. Ariatta propone sulla tela frutta, oggetti, figure rappresentate con un esasperato realismo, tanto da farli sembrare veri. Grazie ad una tecnica pittorica fuori dal comune che gli consente di realizzare con il pennello immagini nitide, luminose, reali, fotografiche, dove ogni singolo oggetto presenta contorni netti e ben definiti. I ritratti e i nudi appaiono vivi nello sguardo e nei toni muscolari, le luci e le ombre danno movimento all’opera. Nelle nature morte notiamo un gioco di riflessi così che l’immagine non è solo la mera copia di quanto osservato, ma di quanto il pittore vede nel riflesso degli oggetti. Trasparenze e i riflessi provocano nell’ osservatore la sensazione di osservare un mondo percepito attraverso gli occhi di un bambino donandoci momenti di rara unicità. Guardando i minuziosi dettagli che Ariatta regala allo spettatore si rimane affascinati e colpiti non solo dalla precisione dei soggetti dipinti ma anche dalla carica che danno i colori caldi, dai riflessi e dagli effetti di luce ed ombre. Bernardo Ariatta cerca con le sue opere di emozionarci. Pittore che ha ricevuto riconoscimenti e pubblicazionisu diversi mensili d’arte, nonchè premiato tra i migliori artisti che ben rappresentano l’arte italiana.” Nadia Celi – Curatrice e Gallerista

Informazioni aggiuntive

Tecnica

olio su tela

Anno

2013

Altezza

50

Larghezza

50

Garanzia

certificato di autenticità dell’artista

Dettagli

firma dell’artista in basso a destra e sul retro