Diego Sly Colussi -Graffiti-

Chiedi Informazioni

Titolo:  Graffiti

Tecnica: spray su pietra

Anno:  2014

Altezza: 30 cm

Larghezza:  20 cm

Garanzia: certificato di autenticità firmato dall’artista con foto

Dettagli: opera con cornice

Categoria:

Biografia

Colussi Diego Sly (1975 – Venezia – Italy)

Diego Sly Colussi nasce a Venezia il 30 gennaio 1975 da madre pittrice ed artista. Proprio da lei Diego assorbe ed elabora fin da piccolo respiri di creatività in casa, spesso frequentata da modelle ed artisti. Cresce nel Miranese, sin da giovane Diego inizia a sentire una forte e spontanea pulsione come in una sorte di rabbia e confusione, istinto e ragione. Solo nel 1991 Diego asseconda questo istinto e decide di uscire per le strade e scrivere il suo nome, senza un preciso motivo, ne sente semplicemente l’irrefrenabile necessità. Deve trovarsi un nome per non essere riconoscibile, quindi prende il vocabolario d’inglese e lo lascia cadere; Si china e legge Sly, in italiano “furbacchione”. Da quel momento le sue uscite solitarie divengono presto assidue ed il suo nome prende vita in molteplici modi sotto forma di tag, flop, trow up e soprattutto “pezzi” cioè le classiche lettere dei writers.. Sly fin da subito inizia un percorso stilistico innovativo e personale, per nulla inquinato dagli altri writers e tantomeno dall’arte classica in quanto completo autodidatta. Nel 1992 a Mestre conosce un gruppo di writers ed entra a far parte della loro squadra, la Dwa (Destroy With Art). Frequentando questi writers Sly diviene più aggressivo e costante nelle sue performances ed inizia a mettere a fuoco una serie di stili personali, che con lo scioglimento della Dwa nel 1994 cominciano ad amalgamarsi creando una fusione “Air style” – il gesto e’ libero e fluido, spesso l’emissione del colore risulta continuativa dall’inizio alla fine del dipinto; “Geometry fusion” – linee tirate con precisione a definire composizioni geometriche Precise, spesso ad imitazione della Via Lattea; “Introspection” – tracce monocrome a comporre labirinti e cerchi. Nello stesso anno Sly viene visto mentre dipingeva dall’artista Ilde Guariento Fiorini, la quale crede in lui e gli fa ottenere l’uso incondizionato di tutto lo stadio “Alliende” (Spinea), centinaia di metri di muri. SLY inizia quindi a dedicarsi al suo stile con più calma e concentrazione, soprattutto di giorno, potendo quindi finalmente vedere con precisione i tratti e le cromie utilizzate. Nel 2003 ha in mente qualcosa di nuovo e particolare, vuole creare un’ opera mai realizzata prima ed invita otto writers a partecipare ad un “megapezzo” allo stadio, un dipinto eseguito da tutti in tutta la sua superficie, amalgamando gli stili, andando a ruota libera senza cromie definite e linguaggi, semplicemente liberi di esprimersi andando anche a tratti sopra le tracce degli altri; il risultato è uno stupefacente dipinto di 32 metri per 2 di altezza. In questa occasione Sly conosce personalmente Style1. In quel periodo inizia la produzione di tele e pannelli evolvendo tecniche e sperimentazioni. Nel 2004 vince il premio per l’originalità al concorso “spray art” in Fiumicello (UD). In questo periodo inoltre iniziano le sue mostre fra le quali le personali in Galleria “San Lorenzo” – Mestre, mostra in “Scoletta Di San Zaccaria” – Venezia, personale in Galleria “Minima” – Mestre, personale in Galleria “Spazio Bianco”- Mestre. in queste occasioni viene presentato e recensito da Francesca Brandes, Enzo Di Martino, Gabriella Niero, Orfango Campigli ed Erika Ferretto. Nel 2009 viene pubblicato nell “Enciclopedia d’Arte Moderna e Contemporanea” Alba Editrice. Nel 2010 espone a Roma alla finale del concorso “Maurizio Martolini” alla Galleria “Finarte Antichi Dipinti” in Via Margutta, è finalista al concorso nazionale talenti “TVtalents”, espone a New York presso la “Ward Nasse Gallery”. Dal 2003 ad oggi dipinge tele e svariate superfici, oltre alle murate durante eventi importanti nell’underground mondiale come il Meeting Of Styles, approfondendo ed evolvendo la disciplina aerosol tramite le sue “Vegetazioni” e “Commistioni irreali”.

Informazioni aggiuntive

Tecnica

spray su pietra

Anno

2014

Altezza

30

Larghezza

20

Garanzia

certificato di autenticità firmato dall’artista con foto

Dettagli

opera con cornice