José Guevara -Bailarinas-

Chiedi Informazioni

Titolo: Bailarinas

Tecnica: mista su tavola

Anno:  2005

Altezza: 41 cm

Larghezza:  33 cm

Garanzia: certificato di autenticità su fotografia firmato dall’artista

Dettagli: firma in basso a sinistra e sul retro

Biografia

José Guevara (1928, Puebla de Guzmar – 2010, Huelva) [Spain] 

José Guevara nasce in Spagna a Puebla de Guzmar, Huelva nel 1928. Era il più giovane dei quattro figli di Juan Guevara Garcia, che era sindaco di questa città. Per motivi di lavoro, la famiglia si trasferì a Huelva. Sin dalla sua infanzia José mostra un’attitudine per la pittura. Si forma dapprima presso l’Istituto Rabida poi presso l’Accademia di Belle Arti di Huelva. Da giovane era una promessa del calcio: giocò con l’Atletico de Huelva ed il Recreativo de Huelva a metà dei ’40. Allievo di Armando Balloni e compagno di Guillermo Rodriguez, inizia la sua carriera artistica con orientamenti figurativi nella tradizione classica spagnola. Sono gli anni della dominazione franchista e dell’isolamento culturale della Spagna. Il contatto con l’intelligentia progressista e con le avanguardie storiche produce in Guevara un’autentica rivoluzione interiore, che non tarda a collocarlo nelle file della dissidenza al regime. Costretto ad emigrare, per ragioni politiche, in Sud America s’inserisce subito nei circoli artistici argentini e uruguaiani aderendo ai movimenti che vi si erano impiantati sulla scia delle poetiche informali europee. Membro dei gruppi “Arte Nuova” e “Non-Figurativo”, espone per la prima volta alla “Galleria H” di Buenos Aires e successivamente al Museo d’Arte Moderna di Montevideo, le sue tavole materiche astratte elaborate con libertà gestuale e gusto sensuale del colore. La scoperta nel 1953, della tecnica di combustione del pigmento, segna decisamente la sua evoluzione stilistica, inserendolo in contesti internazionali. A partire dal 1958 le sue opere iniziano il giro del mondo. Musei e Gallerie d’Arte gli aprono le porte in Francia, Stati Uniti, Australia, Libano, Siria, Iraq, Germania, Olanda, Inghilterra, Lussemburgo, Panama, Islanda, Italia e Giappone. Partecipa nel 1962 alla XXVI Biennale di Venezia nonché alle Biennali di Parigi, di San Paolo, di Alessandria, e a varie Esposizioni annuali intercontinentali. Nel 1966 ottiene una borsa di studio spagnola per ricerche nel campo della ceramica. Già nel 1963, durante un suo soggiorno nell’Iraq, Guevara aveva sentito l’esigenza di abbandonare l’astrattismo puro a vantaggio di un espressionismo informale più tirato, che rispondeva con esiti fenomenici alla sua nuova tecnica. I notevoli effetti di trasparenza, scintillio, corrugamento e cristallizzazione ottenuti mediante il trattamento igneo delle velature di colore di diverso spessore e stato di fluidità, induce il pittore ad introdurre sempre più la figura nel suo modo di esprimersi. Le sue scelte tematiche rimangono, intanto, pretestuali rispetto al fare artistico vero e proprio, che resta tuttora la sua esclusiva invenzione. Tra il 1963 e il 1975 risiede a Parigi (tranne per un anno negli Stati Uniti). Poi si trasferisce in Italia, dove fu soprannominato “Il Rosso Guevarino” dalla presenza di rosso nei suoi dipinti. Alla fine del secolo, José sta introducendo la figura nella sua arte, con temi sacri. La sua opera più rilevante in questo senso è “La Cruz” del 2000, che è stata acquisita per la sezione di Arte Contemporanea Musei Vaticani. Il lavoro è stato presentato al Papa Giovanni Paolo II. Jose Guevara è vissuto per anni nelle Marche, nel centro Italia, dove è stato seguito nella vita professionale dal professore e critico d’arte Armando Ginesi, per quaranta anni è stato il suo critico di riferimento in Italia e ha presentato la sua mostra a Parigi presso l’Espace Châtelet Victoria. Ha esposto anche in Cina nel 2009. Gli ultimi anni sono stati spesi nella sua città natale, dove morì il 10 ottobre 2010, all’età di 89 anni.

Informazioni aggiuntive

Tecnica

mista su tavola

Anno

2005

Altezza

41 cm

Larghezza

33 cm

Garanzia

certificato di autenticità su fotografia firmato dall’artista

Dettagli

firma dell’artista in basso a sinistra e sul retro